Antica Farmacia San Filippo Neri, un gioiello da visitare a Parma

Ed eccoci qui, come ogni terzo lunedì del mese, a farvi compagnia con il progetto viaggi.cibo.Emilia. Nei primi mesi vi abbiamo fatto venire l’acquolina in bocca con tanti piatti e prodotti tipici di ogni città, ma oggi invece vi suggeriamo un luogo da visitare! Avete mai sentito parlare dell’Antica Farmacia San Filippo Neri a Parma?

La storia della Farmacia San Filippo Neri a Parma

Si trova proprio in centro città! Aprendo una piccola porta di Palazzo San Tiburzio si entra in un luogo di altri tempi.

Questo palazzo lo troviamo nel crocevia tra Borgo Palmia e via Cavestro.

Nei primi anni del Cinquecento, il Frate francescano Francesco Meda istituì la Congregazione della Carità che trovò la sua sede nel Palazzo San Tiburzio nel 1588. Fin da subito, si delineò come associazione autonoma gestita da religiosi e da laici per fornire assistenza materiale e spirituale alle persone più svantaggiate della città. Ad oggi, questa congregazione cinquecentesca esiste ancora pur avendo cambiato nome (Asp Ad Personam).

interno farmacia san filippo neri parma
documenti farmacia neri parma

L’associazione crebbe nel tempo e. solamente quasi un secolo dopo, nel 1652, decise di fondare la sua Spezieria presso la sua sede. Il suo obiettivo principale era quello di fornire gratuitamente i farmaci e sostenere economicamente malati ed infermi, ma anche orfani, giovani madri o ragazze nubili attraverso il pagamento di medici a domicilio o di cure necessarie. E’ come se fosse il piccolo embrione del nostro Sistema Sanitario Nazionale. 

 Nel 1789 da spezieria diventa vera e propria Farmacia di carità. Ancora oggi, quando si entra, si possono ammirare gli arredi e la sistemazione di quell’epoca.

La farmacia San Filippo Neri è composta da due sale quadrate comunicanti attraverso un brevissimo corridoio. I mobili di legno scuro sono illuminati dalla luce che entra dalle finestre del giardino interno di Palazzo San Tiburzio su cui si affaccia.

Quando l’ho visitata, la prima sala con il soffitto completamente dipinto e decorato, era allestita per il progetto Parma, città del profumo con il suo spazio espositivo.

In seguito alla sua canonizzazione del 1622, la Farmacia di Palazzo San Tiburzio su dedicata al Santo che aveva fondato una Confraternita per assistere i bisognosi.

La Farmacia rimase attiva fino agli anni ’60 del secolo scorso ed ebbe una grande importanza nella lotta contro le epidemie di colera.

libri di chimica parma
unguenti tinture parma

Perché visitare l’Antica Farmacia San Filippo Neri a Parma?

Si entra in questo luogo e sembra di essere catapultati a 3 secoli fa. Sono ancora conservati gli antichi ricettari, ai quali si affidavano i maestri speziali per preparare unguenti, preparazioni e medicinali.

Ogni cosa è ancora originale: dai boccetti, agli strumenti del mestiere, ai libri, quasi come se il tempo si fosse fermato.

sangue di drago farmacia san filippo neri parma
preparazioni antica farmacia parma
arredi antica farmacia parma

Potrete vedere scaffali pieni di piccoli boccetti pieni di polveri o liquidi con l’etichetta originale, un pò logora dal tempo ma ancora ben riconoscibile. Ma anche beute e brocche, una bilancia a braccia, oltre che pentole di rame per scaldare i componenti e favorire la miscelazione o la soluzione.

Libri di chimica riempiono gli scaffali con il loro pesante e secolare sapere.

Tra le etichette potrete leggere “tinture naturali”, il “collirio astringente”, un misterioso “sangue di drago”,  “mirra”, vari veleni e lo sconosciuti “airolo”.

E’ un luogo che personalmente mi ha affascinato, intriso di storia, di sapere, ma anche di tanta sofferenza e opere di carità. 

Siete pronti a fare un tuffo nel passato tra alchimia e medicinali?

Con chi posso visitare la Farmacia?

Io mi sono affidata a Michelle di Artemilia. Il tour è iniziato dalla Farmacia, per poi visitare l’Oratorio di San Tiburzio e la Chiesa. E’ poi continuato nei vicolo circostanti per osservare l’impronta che i Gesuiti hanno lasciato nel quartiere. Michelle non mancherà di raccontarvi gli aneddoti e i momenti salienti dell’opera dei Gesuiti, ma anche vi farà cogliere qualsiasi dettaglio che testimoni la loro presenza e il loro operato.

Arteemilia offre numerosi tour in centro città e provincia e numerose esperienze turistiche ed enogastronomiche.

… le altre ragazze di viaggi.cibo.Emilia dove vi portano? Scopriamolo insieme!

Una piccola Versailles alle porte di Reggio con Giovanna

Giovanna è un’eterna amante dei piccolo gioielli, meno noti, ma non per questo meno degni di nota. Scusate la ripetizione, ma è così o almeno come dovrebbe essere. Emilianaperpassione ci fa ripercorrere con una passeggiata la storia e i luoghi di villeggiatura degli Estensi che decisero di costruire la loro piccola Versailles, proprio a Reggio Emilia. Immergetevi in luoghi di altri tempi, leggendo l’articolo della Gio!

Un’instagrammabile Bologna con Giulia

Siete appassionati di posti insoliti, ma molto instagrammabili? Giulia di Social.food.love vi svelerà un luogo da cui è possibile fotografare una vista mozzafiato di Bologna.

Io non vedo l’ora di andarci per vedere con i miei occhi! Andate a leggere l’articolo di Giulia per scoprire questo luogo così speciale!

Il sito UNESCO nel cuore di Modena: ce lo racconta Iole

Avete mai visitato Modena? Ecco, prendete carta e penna e cominciate a segnare tutto ciò che vi suggerisce Iole. 

Nel cuore di Modena c’è un sito UNESCO comprendente piazza Grande con palazzo comunale, duomo e Ghirlandina. Per saperne di più, leggete qui!

Il prossimo appuntamento con viaggi.cibo.Emilia

Viaggi.cibo.Emilia ritorna a Maggio, sperando di riuscire a portarvi con noi in un blog tour davvero speciale! 

Incrociate le dita per noi e cominciate a viaggiare!